Archivi tag: gatti

Meglio zitti!

“Allora ci vediamo davanti al cinema alle 5 e mezza”.
Dovevamo essere in 3 e vedo la quarta e:
“Ah che bello, sei venuta pure tu ma non ti vedo convinta!”

“È che non mi piacciono i film italiani”

“E mo’ che è ‘sto pregiudizio?!”

Entriamo, inizia il film.

Dopo cinque minuti penso: “aveva ragione lei!”

Ma io ve lo dico subito subito: se voglio vedere uno spettacolo teatrale vado a teatro non al cinema.

Ecco perché a me questo film proprio non è piaciuto.

Di quale film parlo? Dobbiamo parlare, il nuovo film di Sergio Rubini.

Dopo 5 minuti già capisci che questi non escono di casa e già non mi va bene!

Non ce la faccio io: esiste il teatro per queste cose tanto, tantissimo, troppo parlate!

Due coppie che si vomitano addosso qualsiasi cosa: sopravviveranno in tre e starà a voi, se proprio volete andare, vedere chi se ne va.

Non mi è sembrato credibile NIENTE.

Le coppie decisamente male assortire: Fabrizio Bentivoglio, che io adoro, in versione Mario Brega, che proprio non si può sentire; la di lui moglie, che dice di aver 45 anni ma ne dimostra almeno 10 di più; Rubini, che vuole fare il quarantenne ma ne ha almeno venti di più; la di lui compagna, che dovrebbe fare la ragazzina, e si veste come mia nonna.

Lungo, noioso, a tratti imbarazzante.

Io mi sarei alzata a metà film, quando forse doveva finire perché hanno allungato il brodo in maniera interminabile!

La coppia sotto esame è quella di un chirurgo con la moglie che se ne dicono e fanno di tutti i colori.

Poi scoppia la litigata tra gli amici; poi la litigata dell’altra coppia… insomma parole parole, parole e urla urla urla.

Esci che ti fanno male le orecchie; ma è proprio meglio non entrare!

Due cose meritano: il gatto, bellissimo, e a me non piacciono i gatti (ho detto tutto!); e Roma, splendida vista dall’altro.

Ecco tutto.

Evitate.

Doniamoci (famiglia)

Mi sento in dovere di dare qualche dritta, o meglio, non dritta anche per i regali di famiglia, diciamo collettivi che spesso sento fare. Bè, non sono d’accordo mai: il regalo è soggettivo e non può, né deve, mai essere collettivo. Quindi:

  • Arredamento, includendo in esso anche le televisioni, per dire. Io capisco la crisi ma, ragazzi, quelli non sono regali: sono acquisti più o meno necessari. Se vi serve un divano dove poggiare il sedere mentre guardate la televisione, che non avete, bè non si tratta di un regalo ma di una necessità. Ok, comprateli ma non me li chiamate regali. Reciprocamente regalatevi anche un paio di mutande ma abbiate qualcosa da scartare sotto l’albero, perché se al Natale togliamo pure questo mi dite che cosa cavolo lo teniamo a fare?
  • Animali domestici. Cani & gatti & affini non sono cose. Cani & gatti & affini possono essere meravigliosi cuccioli che poi cresceranno ed hanno, e avranno, bisogno di attenzioni, di molte attenzioni. Non cedete alle richieste dei vostri figli se non siete pronti o non ve la sentite. Quando poi ad agosto dovrete andare in vacanza non vi voglio sentire. Dal momento in cui entreranno in casa vostra ricordatevi che avrete un essere vivente in più a cui badare e non potrete far finta di niente. Vi è sufficientemente chiaro?! Non prendete decisioni affrettate sull’onda dell’entusiasmo. Fermatevi e riflettete e poi ricominciate a riflettere e solo quando sarete assolutamente certi di quello che state facendo, fatelo perchè non potrete tornare indietro. Ecco.
  • Viaggi. Sono gli unici regali collettivi che approverò sempre su tutta la linea. Viaggiare è sempre un dono per mamma, papà, figli, animali domestici, zia, zio e nonna, per tutti. Viaggiate e vi arricchirete sempre e comunque.
  • Arte. Io penso sia una buona soluzione. Scegliere un abbonamento famiglia o per due magari in un luogo di esposizione. Crea una buona aggregazione familiare e passerete ore liete. L’arte è come i viaggi arricchisce senza impegnare e crea discussioni, curiosità. La approvo sempre.
  • Love Love Love. In realtà in famiglia basta questo. E’ il regalo più bello che possiate farvi: resistere ad amarvi :D!

 

IMG_6210.JPG