Archivi tag: scarpe

Ho detto: NO

L’altro giorno in uno dei 200 gruppi whats’app in cui sono (devo dire in uno di quelli più divertenti!) una mia nuova amica (mezza psicopatica che si sente esclusa dall’universo… ti adoro e lo sai 🙂 ) chiede: “ma le splipper mules?!” allegando la seguente foto.

2017-10-11-PHOTO-00000537

La mia risposta è stata un semplice, conciso, secco: NO!

Ora, ragazzi/e, voi sapete quanto io ami la moda, ma sapete anche quanto affermi che “se una cosa è brutta, non mi interessa che vada di moda: io non la indosserò!”.

Ora, al di là della scelta della mia amica che tra tutte forse ha scelto le più brutte (per quanto griffatissime) secondo voi come meglio potrebbero catalogarsi queste scarpe se non CIAVATTE?! Badate bene che ho scritto “ciavatte” e non “ciabatte” perché il romano viene in soccorso in alcuni casi, in quanto dà proprio il senso della sciattaggine che è intrinseca nell’oggetto.

Al di là del fatto che io odio le ciabatte anche in casa, piuttosto raffreddore tutto l’anno ma non riesco a metterle neanche tra le mura domestiche, figuriamoci se mi viene in testa di uscirci e magari spendere fior fiori di € per averle ai piedi.

Ora Alessandro Michele (stilista di Gucci, lo dico solo per quei 4 che non lo sanno) è un estroso e questo tipo di “ciavatte” devono piacergli parecchio perché le propone in varie salse, per uomini e donne…

…purtoppo, però, non è l’unico… la Ferragni ne fa spesso sfoggio e le ha prodotte con il suo brand; poi Steve Madden; poi Prada; poi D&G…

e tutti prevedono prezzi che vanno dai 200 ai 1.000€.

A questo punto mi sento di darvi un consiglio: all’inizio della strada in cui abito, ma comunque ce ne sono a centinaia sparsi sul territorio italico, c’è Risparmio casa. Ora in genere, davanti alle casse per lo più, installano dei fantastici stand con le ciavatte (da uomo e da donna) che vanno dai 10 ai 12€ . Ecco, io penso che di più un paio di pantofole non debbano costare perché, se proprio non se ne può fare a meno, IN CASA CI SI DEVE STARE CON LORO, quindi spendere più di tanto mi sembrerebbe un sacrilegio, un oltraggio alla corona, un attentato alla Costituzione.

Non uscite dal seminato: ciabatte in casa; scarpe fuori… e, quando dico, “scarpe” penso a tutta un’altra cosa!

Siete stati avvertiti.

Annunci

Ma’

Quando io vi consiglio una cosa, cortesemente, statemi a sentire.Vi avevo detto, dopo aver visto Natale in casa Cupiello, di seguire Antonio Latella?! 

Ecco, lo avete fatto?! 

No?! Avete sbagliato!

Io li seguo i miei consigli ed appena ho visto che all’India davano un suo spettacolo: subitissimo mi fiondai! 

E cosa ho visto? 

Ho visto lo spettacolo Ma’, laddove Ma’ è un abbreviativo per Mamma e la mamma in questione è quella di Pierpaolo Pasolini.

Che vi posso dire?

Bello, emozionante, travolgente, a tratti stravolgente. 

Lei da sola sul palco per 60 minuti con delle scarpe enormi ai piedi.

Piange, si dispera, ride. 

È una e 100 Madonne. 

Brava, bravissima, Candida Nieri.

Ha fatto uno sforzo per 60 minuti che non credo lo spettacolo potesse durare di più: fisicamente non ce l’avrebbe fatta.

Vi dico che le lacrime, lo sforzo, sono talmente poco recitati (o lo sono talmente tanto alla perfezione) che le lacrime scendono davvero ed il muco l’ha attanagliata per buoni 45 minuti.

Canta, urla, sussurra, si dispera ‘sta donna che alla fine non puoi non commuoverti con lei e io l’ho fatto, figuriamoci! 

Un susseguirsi di citazioni pasoliniane e non; musica; pezzi di film; luci… un crescendo.

Davvero un gran bel pezzo di teatro e non è che in questo periodo non ci sia andata, l’ho fatto per ben due volte ma ho preferito omettere le stroncature perché manco a perderci il tempo di scriverle. 

Mi spiace che finisce domani: cercatelo, trovatelo, seguite Latella che è BRAVO! 

Il teatro è vivo, viva il teatro! 

Niente superfluo

Non avevo mai comprato un libro di Romagnoli, pur adorandolo.Poi un mio amico mi ha detto “compralo, che è una lezione di vita” e io, dopo aver pianto per la fine del Cartello, ho effettuato l’acquisto.

D’altronde dopo aver letto un libro così bello ed impegnativo, dovevo pur ricominciare da qualche parte! 

E insomma, l’ho comprato e mi sono ricordata qual è sempre stata la mia remora nell’acquistare i libri di Romagnoli.

Io mi ricordo perfettamente quando mi sono innamorata di lui: nel 2001, il giorno dopo lo scudetto della Roma, scrisse un articolo che ho tenuto per anni. Mi piacque tantissimo. Poi ho fatto l’abbonamento a Vanity fair praticamente per lui e poi l’ho perso e ritrovato in questo libro: Bagaglio a mano.

Io ho un problema con Romagnoli, mi dispiace, ma mi distraggo. 

La sua perfetta scrittura è piena di digressioni, piena ed io perdo attenzione.

Ora questo succede in un articolo di giornale figuriamoci in un libro, seppur breve.

Lui parte da A e per arrivare a B fa il giro intorno alla reale: citazioni di film, poesia, filosofia, sport, vita vissuta e chi più ne ha più ne metta.

E lo so che è il suo stile e questo dovrebbe essere il bello della sua scrittura; e lo so che se non mi piace questo uno si chiede “come fa a piacerti lui?!” e lo so; nello spazio di articolo, peró, è più difficile fare digressioni ed è più difficile distrarsi ma in un libro, sebbene piccolo, vabbè divento scema! 

Il libro usa come metafora il bagaglio a mano da usare in viaggio per parlare del bagaglio che uno dovrebbe portarsi nella vita ma, boh, io la lezione di vita non l’ho colta.

O meglio, liberati delle cose superflue e porta il necessario… forse il succo questo è ma vado ad intuito, perché mentre dribbli il nozionismo e la sfacciata presunzione della sua infinita cultura, ti sei scordata il punto di partenza ed alla fine di ogni capitolo ti viene da chiederti: e quindi?! Ma soprattutto: se mi devo portare solo il necessario quanta scrittura superflua c’è in questo libro?! 

Non so, resta la mia stima. 

Continuo a pensare che lui sia un bravissimo giornalista ma preferisco non cascarci più e leggere altro.

Chiedo perdono e nel mio bagaglio a mano continuerò a portare quei superflui 10 paia di scarpe anche se fuori devo stare 3 giorni! 

2015—>2016

Sono giorni che provo a scrivere qualcosa su questo 2015.Impossibile, non ce la faccio. 

Troppe cose, troppa roba, troppo da dire.

E allora sto zitta e mi auguro che l’anno nuovo sia pieno di vita come questo che sta andando.

Pieno di cose: belle, soprattutto, ma serve tutto così come mi sono servite tutte quelle del 2015 per capire, crescere, apprezzare.

E così, di questo anno che va via, terrò: le amicizie e gli amori; le gioie e i dolori; le scarpe e i vestiti; i libri letti; i film visti; gli abbracci dati e quelli ricevuti; le litigate, le delusioni; le risate; gli sguardi di complicità; le nuove passioni; le vecchie fedi; i pianti fatti e quelli che avrei dovuto fare ma non ho fatto; le cose scritte e quelle dette; tutto perché tutto valeva la pena di essere vissuto.

Che l’anno nuovo sia per voi, cari lettori, Felice e che questa felicità possiate condividerla con chi amate. 

Lo auguro a Voi, come a me, perché la felicità è l’unica cosa che conta ed è vera solo se condivisa.

Happy New Year! 

The name

Mi piacerebbe sapere chi dà il nome ai modelli delle scarpe. No perché, secondo me, sarebbe interessante saperlo.Poi soprattutto per una come me che ci manca che dia il nome alla carta igienica!

Ci avete mai pensato? Io sì.

Allora, ve ne indico solo 3 che vanno molto di moda in questo momento e che magari vi sarà capitato di sentire.

Mary Jane: sono le scarpe con il tacco del momento. Per le meno attente trattasi di quelle tendenzialmente con il tacco, punta arrotondata e cinturino. Tutte gli stilisti le hanno reinventate: Laboutin, D&G, MiuMiu, Repetto e chi più ne ha più ne metta. Le trovo belle, molto belle. Ovviamente non tutte le versioni e comunque non penso siano facili da indossare nel senso che il piede deve essere tendenzialmente perfetto: no a forma di panino, no alluce valgo, no collo tropo alto. Insomma, tendenzialmente perfetto. Comunque, belle.

Le ho viste milioni di volte ma non avevo idea si chiamassero così e il nome mi piace molto e così ho scoperto che risale all’inizio del XX secolo e deriva da Mary Jane, la sorella di Buster Brown, personaggio principale del fumetto creato da Richard Outcault nel 1902. E se ci pensate ci sta perché sembrano davvero le scarpe delle donne disegnate nei fumetti.

Kitten shoes: sono quei décolleté con tacco mini, massimo 1 cm e mezzo. Delicatissime. Le trovo carine e vanno benissimo per look raffinato ma non impossibile da gestire per un’itera giornata come il tacco 12. Il nome fa riferimento alla piccolezza del tacco chiamato “gattino” e sono state resi celebri dalla mitica Audrey Hepburn: come non ricordarla davanti a Tiffany nel suo tubino nero Givenchy e le scarpe “gattino” nere ai piedi! Occhi a cuore.

Oxford Shoes: sono le scarpe da uomo tipo Curch’s. Basse: con lacci, duilio o lisce. Mi piacciono tantissimo, le vorrei di tutti i colori e stanno bene sotto a tutto secondo me: dal vestitino lezioso ai jeans ai tailleur eleganti. Belle. Vabbè qua il nome parla perché il riferimento è proprio quello dell’Università.

Stavate bene pure senza avere queste nozioni? Probabilmente sì ma la prossima volta che sentirete parlare delle Mary Jane (perché capiterà, ahhhh se capiterà!) non mi venite a chiedere niente perché io il mio l’ho fatto!

Saluti.

Ma che ne sanno?! 

Si parla sempre di universo maschile e universo femminile: gli uomini vengono da Marte e le donne vengono da Venere insomma, tutte quelle minchiate che io sinceramente non condivido!
Comunque, riflettevo su questo e su quanto ci sia una cosa, tra le altre, che proprio gli uomini non potranno mai capire delle donne ed è: il dolore dei piedi dopo aver portato per un’intera giornata le scarpe coi tacchi.

Non lo capiranno mai, perché non si può capire.

E’ una cosa che solo chi la prova la conosce.

La scena è sempre la stessa: un paio di scarpe abbandonate sullo scaffale di un negozio. Stanno lì, sole sole:; è l’ultimo paio, l’ultimo numero ed è il tuo: sono bellissime, con tacco magari, con punta o senza, proprio di quella sfumatura di colore che tu non hai. E allora: LE COMPRI!

Ora, considerato che sono state abbandonate per tanto tempo su quello scaffale, non puoi fare altro che riportarle a casa e non farle sentire sole. E, per non farle sentire sole, le devi rendere protagoniste della tua vita: SUBITO!

Quindi, se esci la sera le indossi all’istante; se non esci le indossi la mattina dopo, magari soprattutto se ti devi vestire la mattina e sai che avrai aperitivo o cena e devi fare tutta una tirata.

Ed è così che voi e loro vivete questa fantastica giornata insieme: sui tacchi, con la punta, magari senza calze (perché indossare i tacchi senza calze rimane il top per me).

Va tutto bene: la mattina passa tranquilla; a pranzo cominci ad accusare; alle 17 le vorresti togliere; alle 19 cominci a sudare freddo; alle 22 ti parte il mal di testa da perforamento che lo conosce solo chi lo prova.

E cominci a non pensare ad altro e cominci a concentrarti sul fatto che l’unica cosa che vuoi nella vita è liberarti da quell’incubo, é TOGLIERLE!

E invece, loro maschietti sono lì tranquilli che hanno passato tutta la giornata nelle loro morbide duilio o nei loro ciabattosi mocassini e poi la sera si presentano con le sneakers! Maledetti!

Vale lo stesso durante le cerimonie, quando il tacco è ancora più alto, il vestito ancora più scomodo e loro uomini, pinguini, stanno lì impomatati con la loro cravattina e le loro Church’s e non ce n’è… ma vuoi mettere?! Ma che ti può succedere?! Che ti stringano i lacci? Non c’è niente che sia paragonabile all’agonia del tacco.

Oppure la sera a ballare: per essere un minimo figa, ok il jeans ma almeno mettiamoci il tacco ed è così che al decimo pezzo in pista ti scendono le lacrime perché non ce la fai più e non sai se è meglio stare seduta per non alzarsi più o insistere a pigiare i piedi a terra per cercare di dimenticare il dolore. E quelli ti guardano e si dimemano, tanto che gliene frega a loro, che tipo di dolore ti può dare un anfibio, per dire?!

Certo, belle sono belle e l’uomo non avrà mai il piacere di indossarle (a meno che non abbia propensioni particolari ma quella è un’altra storia!) ma la morsa che ti stringe quando invece del piede ti cominciano a comprimere la testa solo chi lo prova lo può conoscere.

Dice “e allora non comprarle?!” e pure tu hai ragione: ma se mi guardano da quello scaffale, tutte sole, abbandonate, io non faccio un acquisto, faccio un’opera di bene! E mi tocca pure soffrire, non c’è giustizia a questo mondo!

Facile così…

L’altro week end dovevo partire.

Volo sabato mattina alle 9.00, rientro lunedì mattina alle 7.00.

Destinazione: mare. Ok?! Bene!

La prima valigia, preparata il giovedì sera, conteneva 6 paia di scarpe. Direte voi: ma sei matta?! Risponderò io: può darsi ma non del tutto e vado ad elencarvi le motivazioni.

Intanto il lunedì mattina sarei andata direttamente in ufficio, quindi paio nr. 1 per completo nr. 1 da mettere in ufficio:  insostituibile;

poi servivano quelle per il mare, paio nr. 2: imprescindibili;

poi giugno è un mese infingardo e non sai se fa caldo o freddo quindi doppia versione (chiuse/aperte), per doppio completo per le due sere, non la vuoi immaginare?! Impossibile.

Poi chiudo la valigia, la tiro su, mi rendo conto che pesa un quintale e rivedo le mie scelte.

Alla fine ne ho portate 4 e, se escludiamo quelle usate per il lunedì mattina, me ne sono servite due.

Non è facile, amici: i colori, il cado/freddo, le occasioni… un problemone!

Poi apri il giornale e vedi Michelle Obama nel suo viaggetto in Europa e pensi “Ah Michelle, e così siamo brave tutte. Così è facile, però!”.

La vedi che scende dall’aereo con i suoi vestitini anni ’50 con la gonna larga, che io quelli manco nell’armadio a casa li posso tenere perché sono ingombranti e, in due giorni, gliene ho visti addosso almeno tre. Ovviamente ogni vestito ha una sua scarpa ed ogni scarpa una borsa ma Michelle mica viaggia con il volo low cost che prevede massimo 10kg di bagaglio.

Altro che 6 paia di scarpe, Michelle. E poi, insieme a lei, le figlie e pure quelle sono femmine e daje di vestitino e scarpe etc etc.

Vorrei essere una mosca per entrare nell’Air Force One e vedere come si sono organizzati con i bauli perché si fa presto a dire “sto fuori per il week end”,  si fa presto a fare una valigia per due giorni se la tua valigia è l’Air Force One… vieni e vola Meridiana, cara Michelle, poi ne riparliamo!

E daje.