Archivi tag: giallo

Rondini d’inverno

Prima dicono: esce l’11 luglio.Poi dicono: esce prima in alcune regioni.

Quindi provo ma a scaricarlo sul Kobo ma non riesco.

Arriva l’11 luglio e c’è una serata al Massenzio con De Giovanni e che fai non lo compri il libro per fartelo autografare?!

Ovvio. 

E così siamo al paradosso di averlo comprato (ma non scaricato) sul Kobo e comprato, e addirittura autografato, in cartaceo.

L’11 sera, dunque, comincio la lettura.

L’avrei finito la stessa sera perché quello che ho letto a pagina 34 mi ha fatto subito svegliare: finalmente Ricciardi, ci hai messo 10 libri e circa 3000 pagine per fare quello che avresti dovuto fare a pagina 100 del primo libro… e con lo spoiler mi fermo qui.

Comunque l’estate è un mezzo guaio e non si sta mai a casa (o almeno io) e quindi la lettura è iniziata lenta anche perché non avevo voglia di finirlo subito.

Poi il 14 luglio di nuovo vedo De Giovanni, che presenta il libro, e lui stesso dice: “uno fa tanta fatica a partorirlo e voi in due sere lo avete finito?! Un poco di soddisfazione datemi!”.

Se lui chiede, io eseguo e così ho tirato il freno a mano ma poi come si fa a fermarsi?!

Vi dico solo che all’ultima pagina ho pianto, mi sono commossa.

Ma come si fa a non immedesimarsi in una storia tanto bella e travagliata e appassionante.

Con Napoli invasa dalla nebbia; con i protagonisti sofferenti: gli occhi verdi di Ricciardi, che vedono cose e sentono persone; Enrica combattuta; Nelide corteggiata; Maione che fa Nuvolari; Bambinella omertoso e canterino.

L’omicidio c’è, forse passionale (cioè io so se lo è o meno ma non ve lo dico); si svolge tutto in un teatro, lo Splendor (e dove altro?!) : un’attrice assassinata in scena. 

Chi è stato? Io lo so, in realtà pensano di saperlo tutti ma chi può dirlo?!

Non aggiungo altro alla storia, se non che quello che avviene parallelamente all’indagine è avvincente anche più dell’indagine stessa.

Mi fermo, mi verrebbe da dirvi: “oh, scrivetemi quando lo avete finito così ne parliamo un po’!”.

A De Giovanni devo dire due cose: 

1) bello, bravo, bis;

2) io sono d’accordo sul chiuderla tra due libri che non si esagera con le storie perfette.

Buona lettura. 

Annunci

La sostanza del male

“E cosa stai leggendo ora?”

“Veramente ieri sera ho finito un libro, ne ho uno in lettura che non mi piace e non so stasera che compro”

“Bene, allora compra la Sostanza del male di Luca D’Andrea”.

Fatto.

E ora io lo dico a voi: “Comprate La sostanza del male di Luca D’Andrea”.

Ammazza che thriller che è.

Io odio la montagna ed il libro è ambientato in montagna ma questo non mi ha fatto desistere, anzi.

C’è questo ragazzo americano che conosce una ragazza italiana e con lei si trasferisce nella di lei terra: le montagne vicino Bolzano.

Qui si sposano ed hanno una bimba, di nome Clara. Lui fa il documentarista e, a seguito di un incidente in montagna, comincia a soffrire di depressione e ad interessarsi di un fatto di sangue avvenuto nel 1985.

Ora, sapete, non mi piace raccontarvi le trame anche perché trattasi di thriller e non voglio togliervi la sorpresa ma, vi dico, lasciatevi travolgere dalle pagine di questo libro. Lasciatevi travolgere dalla montagna, dalla bestia.

Fino ad un certo punto trattasi di libro normale da un certo momento in poi prende il sopravvento. Vi dico solo che nelle ultime due notti ho fatto fatica a mollarlo. Più o meno da metà libro, ogni capitolo sempre quello finale con colpo di scena e fiato sospeso.

L’ho letto su Kobo ed una sera, alle 2 di notte, non smettevo perché non mi rendevo conto di quanto mancasse e pensavo che stesse finendo perché era talmente tanto sta la suspance che pensavo “ok, questo sarà l’ultimo capitolo” e invece quando l’ho spento mancavano ancora un paio d’ore!

Vi dico davvero un thriller da leggere.

Un susseguirsi di “ohhhh” “non ci credo” “ma dai!”… esattamente come deve essere un giallo che toglie il fiato.

Bella la scrittura, ben delineati i personaggi, carino il protagonista, dolce la figlia.

Insomma, leggetelo. Non ve ne pentirete, fatemi sapere.

Tu sei il male 

Prima di tutto vi racconto l’epilogo.Io ormai amo il mio Kobo.

Leggo ancora su carta perché non vi so rinunciare ma: la quantità di libri ormai presente in casa; la possibilità di comprare eBook ogni ora del giorno e della notte; la maggiore facilità nel leggerlo al letto fanno sì che ormai lo usi abitualmente.

Sapete come funziona no?! In alto a destra ti rendi conto della batteria e di quanto manchi alla catastrofe.

Ora succede che compri finalmente il libro giallo che prima il collega amico poi il capo ti invitano ad acquistare e stai lì che ti mancano gli ultimi due capitoli e zac… lui che fa?! Si spegne! E così, proprio mentre stai per scoprire il super assassino di tutti gli assassini, prendi il carica Kobo, spegni accendi, spegni accendi e ci metti solo quell’ora a chiudere il cerchio.

Vabbè, andiamo avanti.

Il mio primo libro del 2017 è stato Tu sei il male di Roberto Costantini.

Un vero giallo.

Io dico: “leggo noir soprattutto di autori italiani”; ma questa è un’altra storia: questo è un giallo vero con tutto ciò che ne consegue, (vedi: fiato sospeso, “ohhh” di stupore, “non ci credo” a raffica, insomma varie ed eventuali).

Siamo a Roma tra il 1982 ed il 2006. Italia campione del mondo di calcio in entrambi i casi e niente è casuale o lo è tutto.

Il nostro eroe buono è Michele Balestreri, giovane poliziotto (il grado già non me lo ricordo perché non sono pratica e scordo facilmente) benestante e con poca voglia di fare; bello e sciupa femmine. Succede un fatto grave, lui non risolve l’arcano (ma poi siamo sicuri?! Vi dico così per non rovinarvi il giallo ed insinuarvi il dubbio) e la sua vita cambia. Lo ritroviamo dopo 24 anni sempre in polizia (grado molto più alto, ha fatto carriera) alle prese con una serie di delitti collegati, c’è forse un seriale killer tra di noi?!

E io non ve lo dico, leggetelo.

Quello che vi posso dire è che questo libro vi catturerà: proprio non riuscirete a pensare ad altro. Ben scritta e strutturata la trama.

Delineati il giusto i personaggi, quel tanto da farti affezionare ma non troppo perché qui bisogna risolvere un caso, non pensare alla vita privata dei protagonisti che potrebbe fuorviare.

So che questo è il primo di una trilogia di libri, ora però forse devo leggere Pollyanna o simili per rifare pace con il genere umano e affrontare di nuovo il male.

Buona lettura a voi, storia d’amore per me ora.

Saluti.

Cormoran wait for me!

E due…E ho letto pure il secondo, mi manca il terzo ma in mezzo dovrò fare una pausa perché ne ho un altro che mi aspetta sul comodino e rosico.

Rosico perché non vedo l’ora di mettere le mani sulla terza avventura di Cormoran Strike, dopo averne letto la seconda Il baco da seta.

Vi dicevo di essermi approcciata con qualche titubanza ma, devo dire, che Cormoran mi ha catturato.

Come al solito accade nelle saghe, dal secondo libro in poi ti appassioni ai personaggi, e ora capisco cosa intendeva Vianello quando parlava di Cormoran come di un suo nuovo amico.

Cormoran è un omone alto 1 metro e 90cm, figlio illegittimo di una rockstar dal quale non ha preso una sterlina, che é stato nell’esercito, dove ha perso una gamba, e che fa l’investigatore.

Insieme a lui c’è Robin, una brava ragazza che ha avuto sempre il pallino delle investigazioni e che, da segretaria, si trova a fare qualcosa di più. 

La cosa bella dei libri è l’atmosfera retró, è la ricerca del colpevole che, stavolta, ho individuato piuttosto presto devo ammettere! Sono forte, lo so! 

Mentre nell’altro libro, l’ambiente in cui si svolgevano l’omicidio prima e l’indagine poi era quello della moda; qui avviene tutto in un ambiente letterario: muore uno scrittore.

Praticamente la Rowling ha scelto le mie due grandi passioni per costruirci arzigogolati gialli. Come potevo io non divorare questi due libri?! Mi sto scervellando, senza volerlo sapere, di immaginare dove possa essere ambientato il terzo.

Comunque, la lettura è davvero gradevole forse un po’ troppo minuziose le descrizioni: sembra davvero di vedere Cormoran che si aggira per Londra, imbiancata dalla neve. 

Non si lascia molto spazio all’immaginazione se non nel reperire indizi e trovare l’assassino.

Divertente, veloce, appassionante.

Insomma, mi è piaciuto, mi piace ed ora rosico che non potrò attaccare subito il terzo capitolo ma faccio presto presto a leggere il prossimo… Cormoran, aspettami, intanto cominciate voi!

Enjoy the reading.

Il richiamo del giallo

Allora, l’amico di cui al precedente post mi dice: “Kiuky, ora dobbiamo comprare i libri che la Rowling ha scritto sotto pseudonimo. Pare siano Fichissimi!” E io: “Lo so, amico, me li ha già consigliati un altro mio amico ma ho due remore 1) leggo poco autrici donne; 2) la Rowling come concetto mi sta antipatica” e lui: “Hai ragione ma forse tocca provare”.La stessa sera torno a casa, apro twitter e Andrea Vianello, il giornalista, scrive “Ho un nuovo amico: Cormoran Strike” cerco chi è e guarda caso è proprio il protagonista dei libri della Rowling. Scrivo al mio amico subito e abbiamo effettuato l’acquisto perché di fronte al consiglio anche di Vianello io alzo le mani!

E così ho letto il primo libro della serie di Cormoran Strike scritto da Robert Galbraith, che altri non è che la Rowling, “Il richiamo del Cuculo”.

Che dirvi? In realtà non posso dirvi molto perché qui il giallo è giallo vero, nel senso che la trama è tutto lì. Mi spiego meglio: nel precedente libro letto vi ho spiegato che il giallo in sè ha una rilevanza relativa perchè quello che ti attira è l’ambientazione. Così come pure in tutti i noir italiani: c’è il giallo ma c’è tanto altro ossia i protagonisti, le storie sottese etc. Etc. 

Qui il giallo è il libro stesso ed insieme a Cormoran Strike cerchi di risolverlo ed insieme a lui scopri tutti gli elementi per farlo.

Cormoran è un simpatico personaggio, non so perché ma mi ha dato un po’ l’idea di Dick Tracy, forse per la stazza. Poi l’idea della segretaria, Robin, mi ha fatto pensare per un po’ che l’ambientazione potesse essere tranquillamente anche gli anni ’50.

Invece no, siamo assolutamente nella nostra epoca con tutti gli strumenti del caso: forse meno iPhone; si fuma ovunque a Londra e questo mi ha lasciato perplessa; si usano il Pc ed il telefono come strumenti necessari. 

L’omicidio è interessante, soprattutto per una fashion victim come me, perché avviene nel mondo della moda. Muore una modella ma è omicidio o suicidio? E noi lo dobbiamo scoprire!

Non ho mai letto Harry Potter quindi non avevo alcuna idea di come scrivesse la Rowling quello che vi posso dire è che la scrittura è molto dettagliata ma semplice; che le descrizioni sono vivide; che sembra di leggere una sceneggiatura; che a volte può risultare fastidiosa la perfezione del testo, senza sbavature. Sembra quasi un esercizio letterario.

Penso che Cormoran sia un bel personaggio, ma non ancora un amico come per Vianello. 

Forse mi servirà un secondo libro che vado prontamente ad acquistare.

Enjoy the reading!

L’amore cattivo 

È successo questo: il libro mi è stato regalato per il compleanno (19 luglio); arrivato qualche giorno dopo (29 luglio); iniziata e poi fermata la lettura per partenza (in viaggio porto il Kobo ed il libro è cartaceo); ed é così che solo oggi ho finito Anime alla derivadi Richard Manson, dopo aver letto in mezzo altri tre libri. 

Comunque un peccato perché il libro merita di essere letto tutto d’un fiato, cosa che poi ho fatto appena finito il residuo della vacanza su Kobo.

Parte benissimo ma non posso dirvi da dove perché non mi va di scoprirvi nulla e, ad ogni modo, inizia dalla fine. 

Sappiate che è la travagliata storia d’amore di un ragazzo per una o forse due ragazze.

Succede molto, ma la parte centrale è un po’ faticosa perchè lenta, non si capisce bene dove si vuole andare a parare ma serve per quello che succede nelle ultime 100 pagine.

Tu stai lì e leggi tranquilla e pensi “vabbè, ma quagliamo?!” e sbadabam in 10 pagine un delirio, in 20 il dramma, in 30 l’apoteosi. 

Un macello, leggi con la bocca aperta per lo stupore.

Devi solo avere un po’ di pazienza di arrivarci ma quando ci arrivi ti ripaga del tempo che hai pensato essere perso ma perso non era.

Scritto veramente bene. 

I personaggi sono di una cattiveria rara e quello che all’inizio ti sembra l’atto di un povero vecchio, poi ti si materializza come l’unica cosa fattibile dopo quello che l’attuale povero vecchio ha subito!

Sembra che stai leggendo un romanzo d’amore e ti ritrovi a leggere un giallo, un noir… insomma di amore ce n’è, e tanto, ma non da chi di aspetti o verso chi sarebbe naturale. L’amore c’è ma porta ad una cattiveria e ad azioni che sono l’essenza stessa della cattiveria.

La gelosia è una brutta, bruttissima bestia.

Per non dirvi niente mi sto facendo una passeggiata su un grattacielo di vetro quindi, smettete di leggere qui e andate a leggere il libro. 

Saluti. 

Il 7 lo compri e il 9 lo finisci

E pure stavolta: aspetti, aspetti, aspetti poi arriva il momento. Hai in mano il libro.

Lo apri ed entri in un vortice per cui, dopo i famosi due giorni, il libro è finito! 

7.07.2007 è l’ultimo libro di Manzini con protagonista Rocco Schiavone ed io l’ho finito.

E ora?! E niente, potrei ricominciare.

Rocco non si batte nel suo essere scanzonatamente romano anche nella nordica Aosta.

In realtà in questo libro torniamo a Roma.

Non vorrei spoilerare ma un paio di cose devo dirvele. 

Siamo a Roma, nel luglio 2007 (e questo ce lo dice pure il titolo). Marina è viva; lui e Marina litigano; Marina se ne va; lui ha a che fare con un omicidio; lui cerca di scoprire i colpevoli; lui e Marina fanno pace; Marina muore. 

Ora quello che succede nel mezzo io non ve lo dico perché non è giusto ma quello che vi posso dire è che in questo libro si capisce tutto di Rocco. 

Si capisce il perché ed il per come è diventato così diciamo disinteressato alla vita. Lo sarebbe chiunque.

Rocco ha perso l’amore della sua vita e, sebbene questo si percepisca in tutti i libri, solo in questo si capisce il perché; solo in questo si capisce che legame avevano lui e Marina.

Delicato, coinvolgente, travolgente l’amore dei due ed il libro. 

Lui & Marina così diversamente compatibili che fanno tenerezza. Si amano e punto. 

E poi c’è tanta indissolubile e spietata amicizia tra queste pagine. Bella.

Manco ve lo sto a dire che resti a bocca aperta, che ti cade la lacrima, che ti fai un sacco di risate, che non riesci a posarlo finché non leggi la parola “Fine”.

MANCO VE LO STO A DIRE che dovete comprarlo prima di subito e, a quei due o tre che ancora non si sono appassionati a Schiavone: “siete fortunati, perché avete tanto da leggere!”.

Un’ultima annotazione a Manzini. 

Lo dico a te, come l’ho detto a De Giovanni: “troppe cose appese, confido del tuo buon cuore per leggere, PRESTO, il seguito. Daje Anto'”.