Archivi tag: bacio

eMAticons

A voi piacciono le emoticons?!

A me tantissimo, tengono viva l’adolescente che è in me.

Sono veloci, pratiche, immediate.

E così: non devi stare a scrivere “ok, va bene!” perché puoi mettere il pollice in su; non devi stare a digitare “un bacio” perché c’è la faccetta con il bacetto a cuore (dolce dolce); non devi stare a sforzarti di registrare “oh, porca la paletta, ma che veramente?!” perché c’è il geniale Urlo di Munch in versione gialla (la mia preferita!).

Non sono mai arrivata al punto di scrivere un’intera frase con le emoticons ma sono indispensabili, secondo me, anche per dare il senso ad una frase.

Che ne so, se per esempio, vi stanno girando le scatole dopo aver letto un messaggio e vorreste mandare la persona a quel paese ma vi dite  “vabbè, magari è meglio di no?!” Che fate?! Rispondete sempre a tono, come se ce la state  mandando, ma poi con una faccetta riequilibrate la situazione.

Pensateci, sono geniali. Un “Bravò” a chi le ha inventate.

Bene ma c’è un ma… c’è sempre un  ma.

Tra tutte le 2000 emoticons che riempiono la tastiera, ce n’è una, una soltanto che ha il potere di farmi salire il sangue al cervello, la odio e vorrei fare una petizione per eliminarla. E’ quella stronza che fa la linguaccia con l’occhietto.

Ora io vorrei chiedere al suo ideatore: ma tu cosa cavolo mi volevi rappresentare con questa faccia?!

Ma tu che simbolismo le volevi dare?!

No perché le altre mi sembrano piuttosto semplici: le scimmiette sono “non vedo, non sento non parlo”; le gote rosse sono l’imbarazzo; la macchina è la macchina; il cuore è il cuore; rido tanto, ti abbraccio, sono infuriato, sono nervoso, sono perplesso, sono muto, sono stupito e così via dicendo ma quella linguaccia con quell’occhietto cosa cazzo mi rappresenta?!

Vi sfido, ditemelo.

Io la odio e quando ne sono la destinataria mi viene un modo di rabbia che devo lanciare il telefono per calmarmi perché mi verrebbe da, nell’ordine: chiudere la conversazione, eliminarla, bloccare il contatto, bruciare il telefono.

Mi sapete illuminare? Nel dubbio evitate di farmela rivedere e la linguaccia con l’occhietto (che poi è pure umanamente impossibile!) valla a fare a tua sorella, stronza/o?!

Annunci

Burdel!

“E dove vai stavolta?”

“A Marsiglia”

“Ma dai, allora ti devo troppo regalare la trilogia di Jean Claude Izzo che è ambientata lì, vedrai che ti piacerà!”

E così il mio amico mi ha regalato il primo libro della trilogia di Izzo, Casino totale, e… mi è piaciuto assai.

L’ho cominciato a Marsiglia e finito a Roma e devo dire che è andata bene così, nel senso che leggendo ho capito di più ed odiato di meno quella città, la quale non mi ha particolarmente affascinato ma, come dice Izzo, tipo a pagina 3 del libro: “Marsiglia non è una città per turisti. Non è una città da fotografare”.

E’ una città da vivere o la si odia o la si ama, ci si deve schierare. Ed io penso abbia ragione.

Leggendo il libro ho imparato ad apprezzarla di più, l’avessi letto prima forse l’avrei vissuta meglio.

Ma non parliamo di Marsiglia, parliamo del libro anche se non si può parlare dell’uno senza comprendere l’altra perché Marsiglia è in tutte le pagine, in tutti i discorsi. Raramente mi è capitato di leggere un libro in cui l’ambientazione è essa stessa racconto, non si può prescindere da essa.

Comunque, storia di delinquenza, brutta delinquenza.

Il protagonista, Fabio Montale, è un francese di origini italiane che, dopo aver avuto un’adolescenza turbolenta, diventa poliziotto e cerca di combattere quello che inizialmente assecondava.

Nel fare questo si scontra con il suo vecchio mondo, con lo schifo della delinquenza, con la sporcizia della città, con l’orrore della violenza.

In primo piano c’è un giallo da scoprire, un colpevole da trovare ma il racconto è tale per cui ci si infila in talmente tante storie e tanti personaggi che all’inizio si fa un po’ fatica a stargli dietro.

Fabio, però, riesce a sbrogliare le matasse: raccontando, descrivendo, portandoci in ogni angolo di Marsiglia, accompagnandoci tra prostitute e brave ragazzi, tra delinquenti e persone per bene.

Ad un certo punto pensi che non si arriverà mai a trovare il colpevole perché tutto troppo ingarbugliato: chi può fidarsi di chi?! Non si capisce niente e poi, nelle ultime 20 pagine, colpi di scena a gogò. E rimani a bocca aperta e pensi, cazzarola, devo andare a comprare il resto della trilogia anche se è un libro completo che non fa presumere un seguito.

Tra l’altro il burbero poliziotto, con finto cuore d’acciaio, nonostante i morti ammazzati, le violenze sessuali, le botte, i tradimenti, ci regala anche una speranza alla fine del libro perché “il mondo si stava rimettendo in ordine. Le nostre vite. Tutto quello che avevamo perso, sbagliato, dimenticato, trovava finalmente un senso. Con un solo bacio. Quel bacio”…ora ditemi voi, a me che sono l’ultima delle romantiche, come poteva non piacermi questo libro?!?!??!?!?!?

IMG_8170-0