Archivi tag: medico

L’Amore.

E ti lascia senza fiato questo libro.

Ammazza, ragazzi, quanta tristezza in così poche pagine.

Secondo libro che leggo di Missiroli, Il senso dell’elefante, il primo era stato Atti osceni luogo privato e già sapete.

Dopo due libri posso tranquillamente affermare che Missiroli ha problemi con la famiglia, ecco, con l’istituzione della famiglia, non con l’amore. 

Quello lo salva sempre e trionfa. 

Ma la famiglia ne esce sempre disastrata.

Sempre come minimo un paio di corna e un amore che fatica a vincere sulle vicende della vita.

Comunque qui troviamo un ex prete che da Rimini si mette a fare il portiere in uno stabile di Milano dove vive il Dott. Martini: medico, marito e “padre” di una bimba di due anni.

Lo stabile è grottesco, poche e scompigliate famiglie: un avv.to vedovo gay; una mamma vedova con un figlio ritardato; la famiglia Martini, appunto.

Si scopre subito il legame profondo che lega Pietro, il protagonista (ex parroco ed attuale portiere) a questo Luca Martini.

E vabbè, un groviglio che uccelli di Rovo a confronto è una favoletta. Mamma mia!

Comunque, il dott. Morte (Luca) accetta la presenza dell’ex prete anzi la favorisce ed in breve tempo tutti diventano una grande famiglia fino all’exploit finale che lascia senza fiato!

Molto molto triste questo romanzo: le storie che si intrecciano hanno tutte un velo di malinconia, di nostalgia, di pateticità.

Ma si legge di corsa, se riesci a superare le prime 50 pagine dove sembra tutto già letto… poi piano piano il libro esce e ti infili nella storia e ne rimani tristemente colpito.

Bene, quando finisci pensi: Madonna santissima, quanta tristezza e quanto immenso amore, proprio “quello di una vita” non “quello per la vita” e solo chi l’ha letto o lo leggerà capirà quello che sto dicendo!

Annunci

Andate in pace… da un’altra parte

Io mi devo fidare del mio istinto, non c’è niente da fare.

Oppure devo evitare di andare al cinema in questo periodo che, evidentemente, non è cosa!

Per superare la noia di Nanna Moretti, sono andata a vedere (non per mia iniziativa, ci tengo a precisarlo) Se Dio vuole… e già un film che ha Dio nel titolo mi lascia perplessa ma va bè.

Poi, la cosa inquietante, è che partono i titoli di testa e leggi che il film ha avuto non so che tipo di finanziamenti perché considerato di “interesse nazionale” e lì mi è cominciata a pulsare la vena perché me lo sono immaginato l’interesse nazionale!

E infatti quello era: il Dio (cattolico) nella figura di Gesù che “salva” la morale di una famiglia senza Dio. E qui il principio che sta alla base della mia di morale “libera Chiesa in libero Stato” se n’è andato subito a farsi benedire da Alessandro Gassman… e già nei titoli di testa!

Ma partiamo con ordine: Giallini (sempre bravo ma qui manco troppo perché un po’ troppo artefatto!) fa il cardiochirurgo con una famiglia stereotipicamente strampalata: moglie depressa, figlia scema, figlio apparentemente problematico.

Il cardiochirurgo in questione, che si crede Dio, non può credere in lui e qui la beffa del destino: il figlio vuole farsi prete e perché!? Ma perché conosce un prete giovane ed alternativo e con un passato da delinquente, interpretato da Alessandro Gassman.

Ve la sapete immaginare una cosa più banale?! Io no.

Comunque il Dio cardiochirurgo comincia a fare di tutto perché il figlio cambi idea e si affida lui stesso a questo SuperFicoPrete! Come va il film secondo voi!??! Ma che il Dio cardiochirurgo si ridime e sistema la famiglia: fa pace con la figlia scema, ricomincia a fare l’amore con la moglie depressa, non ha bisogno di far cambiare idea al figlio perché quello ci pensa da solo.

Battute? Poche.

Verve? Meno.

Attori? Tutti sopra le righe, pure la brava Morante… e basta fare sempre la parte della borghese depressa. BASTA! Unico simpatico il marito della figlia scema.

Il finale? Ad interpretazione.

L’interessa nazionale? ASSENTE! A meno che non si sia in un paese superfintocattolico in cui ancora deve essere troppo forte il messaggio religioso e di un certo tipo di religione.

Tirando le somme?! Ne sconsiglio vivamente la visione a chi è quanto meno laico.

Amen.