Archivi tag: Londra

Il lido

È ufficiale ormai: quando non so cosa leggere perché i miei autori preferiti non hanno pubblicato oppure ne ho letti tutti i libri, quando non ho nessun titolo che mi incuriosisce, accetto consigli di amici.

Questo è quanto è successo con gli ultimi quattro libri letti e quindi anche con questo, che mi ha consigliato una mia carissima amica con la quale condivido varie cose, tra cui la passione per la lettura.

Il libro è Il lido di Libby Page.

Ora io penso che quando un libro ti accompagna nella giornata anche quando è chiuso sta facendo il suo lavoro. Se, in un momento x mentre stai facendo tutt’altro ti ritrovi a pensare ai protagonisti (in questo caso Rosemary e Kate) e a quello che sta loro succedendo, allora il libro ti ha preso e ti sta portando dove vuole lui.

In questo caso in un lido, una piscina, comunale di Brixton, Londra, che le logiche imprenditoriali fallate degli ultimi anni vogliono chiudere. Parte, quindi, una gara di solidarietà per tenerlo aperto capeggiato da una battagliera ottantaseienne, Rosemary appunto.

La storia del lido è quella di una comunità che non si arrende, che lotta per le proprie ragioni perché una piscina non è solo una piscina e nuotare non è solo un esercizio fisico ma è: una liberazione, uno sfogo, una cura.

Rosemary ha vissuto circa ottanta anni intorno alla struttura. È lì che ha festeggiato la fine della guerra, è lì che ha studiato ma è soprattutto lì che ha conosciuto il grande amore della sua vita, George, che l’ha da poco lasciata.

Intorno alla storia di Rosemary e George si sviluppa quella del lido con dei flashback che li vedono felici ed insieme con lo sfondo della piscina.

La aiuta nella lotta una giovane giornalista, Kate, con mille problemi che oltre ad aiutare si fa aiutare nella battaglia della sua vita.

È un libro godibile, semplice, veloce, emozionante. A volte ridondante: si racconta di George che si tuffa forse qualche volta di troppo, alcuni pezzi sembrano un po’ inutili ma nell’insieme ci stanno e servono ad aumentare la suspance per la sorte della struttura.

Sono carine le figure dei vari sostenitori della piscina: la coppia gay con cagnolino; il custode; la sorella della giornalista, Erin; il fotografo, Jay; l’amica di Rosemary, Hope.

Sapete cosa?! Non c’è cattiveria in questo libro, non ci sono figure negative, il bene predomina, l’amore è una costante e certe volte leggere cose così ti rimette in paca con il mondo, soprattutto se questo sta diventando un posto dove comincia ad essere difficile vivere.

È sano estraniarsi in questi contesti, la lettura serve anche a questo.

Quindi, se avete voglia di rifugiarvi in un’isola felice e sana affrontate questa lettura, non ve ne pentirete.

Annunci

La via del non ci siamo

La Rowling nei ringraziamenti del libro scrive di non essersi mai divertita tanto a scrivere un libro, sebbene si tratti di omicidi e amputazioni.Io vi devo dire che lei si sarà pure divertita a scriverlo ma io non altrettanto a leggerlo.

Diciamo che da inguaribile romantica quale sono, la parte che mi è piaciuta di più sono le ultime pagine dell’ultimo capitolo.

Per il resto, trovo che questo sia il meno riuscito dei tre libri che vedono come protagonista Cormoran Strike e la sua Robin.

Il libro è La via del male.

Intanto se per leggere un libro giallo come questo ci si mette più di una settimana vuol dire che non ti sta prendendo come dovrebbe.

Poi vi posso dire che l’ho trovato macchinoso nella trama e fastidioso nell’intreccio: troppa sfiga; troppo orrore; troppa fantasia.

Loro due sono carini ma pure qui: e parlatevi, cavolo.

Insomma, non vi posso raccontare la trama (al solito omicidi ma stavolta con amputazioni annesse!); non vi posso raccontare l’intreccio tra loro perché vi toglierei parte del divertimento: lei si sposa o non si sposa; non mi sento di consigliarvelo, anche se poi mi rendo conto che se avete letto i primi due sarete portati a farlo e fate bene alla fine.

Ora ci ha lasciato appesi la Rowling e va a sapere quando scioglieremo ‘sta prognosi!

Stata tuned…

Cormoran wait for me!

E due…E ho letto pure il secondo, mi manca il terzo ma in mezzo dovrò fare una pausa perché ne ho un altro che mi aspetta sul comodino e rosico.

Rosico perché non vedo l’ora di mettere le mani sulla terza avventura di Cormoran Strike, dopo averne letto la seconda Il baco da seta.

Vi dicevo di essermi approcciata con qualche titubanza ma, devo dire, che Cormoran mi ha catturato.

Come al solito accade nelle saghe, dal secondo libro in poi ti appassioni ai personaggi, e ora capisco cosa intendeva Vianello quando parlava di Cormoran come di un suo nuovo amico.

Cormoran è un omone alto 1 metro e 90cm, figlio illegittimo di una rockstar dal quale non ha preso una sterlina, che é stato nell’esercito, dove ha perso una gamba, e che fa l’investigatore.

Insieme a lui c’è Robin, una brava ragazza che ha avuto sempre il pallino delle investigazioni e che, da segretaria, si trova a fare qualcosa di più. 

La cosa bella dei libri è l’atmosfera retró, è la ricerca del colpevole che, stavolta, ho individuato piuttosto presto devo ammettere! Sono forte, lo so! 

Mentre nell’altro libro, l’ambiente in cui si svolgevano l’omicidio prima e l’indagine poi era quello della moda; qui avviene tutto in un ambiente letterario: muore uno scrittore.

Praticamente la Rowling ha scelto le mie due grandi passioni per costruirci arzigogolati gialli. Come potevo io non divorare questi due libri?! Mi sto scervellando, senza volerlo sapere, di immaginare dove possa essere ambientato il terzo.

Comunque, la lettura è davvero gradevole forse un po’ troppo minuziose le descrizioni: sembra davvero di vedere Cormoran che si aggira per Londra, imbiancata dalla neve. 

Non si lascia molto spazio all’immaginazione se non nel reperire indizi e trovare l’assassino.

Divertente, veloce, appassionante.

Insomma, mi è piaciuto, mi piace ed ora rosico che non potrò attaccare subito il terzo capitolo ma faccio presto presto a leggere il prossimo… Cormoran, aspettami, intanto cominciate voi!

Enjoy the reading.

Uno di cinque

Ieri sera un mio amico, che adora Winsolw, mi ha fatto tutto un trattato su quanto sia bravo e, soprattutto, versatile Don. E su questo siamo assolutamente d’accordo perché mai, leggendo London Underground, arriveresti a pensare che chi lo ha scritto sia lo stesso autore de Il potere del cane (mio libro preferito di tutti i libri preferiti!).

E voi mi chiederete: vabbè, ma in che senso?! Positivo o negativo.

Diciamo, non in senso negativo ma manco positivo. Proprio diverso.

Provo a spiegarmi.

Qui si narra la storia di Neal, che è un ragazzo, figlio di una tossica, che fa l’investigatore privato (o qualcosa del genere) e che, su mandato degli “amici di famiglia”, deve cercare la figlia di un pezzo grosso che è scappata a Londra.

Il libro è scorrevole, veloce, a tratti divertente, crudo ma neanche troppo. Insomma un fantastico “libretto” da leggere sotto l’ombrellone. 

Va via che è un piacere. 

Ed è qui che pensi: ma siamo sicuri che l’ha scritto Don?! Quando ti approcci al Potete del cane, per le prime 100 pagine devi stare con il taccuino per cercare di capire anche solo i nomi dei protagonisti. 

Qui tutto facile: nomi, storia, intrecci. 

Per carità, il colpo di scena finale c’è così come c’è pure la risata e anche la trama regge ma tutta un’altra storia.

Divertente è l’educazione del ragazzo da parte del papà putativo, e così scopri che se devi pedinare uno il modo per farlo è guardargli sempre le scarpe, sia perché è più facile seguirlo, sia perché, se lui se ne dovesse accorge, tu starai guardando per terra.

Ve lo consiglio?! Certo. 

Don va sempre letto, poi é il primo di cinque. Ora inizio il secondo e speriamo traducano presto gli altri però non dite che non vi ho detto che potrebbe anche averlo non scritto Don, tanto è diverso da Il potere del cane o Il cartello. 

E allora se la bravura di uno scrittore si misura in questo ha ragione il mio amico: Don è il numero uno.

Buona lettura.