Archivi categoria: teatro

Satyricon

Beccare due spettacoli buoni nell’arco di meno di una settimana non è cosa facile.

O forse sì se ti fai guidare dal teatro e dall’autore.

Nella fattispecie, il teatro è l’Argentina che, per chi è di Roma, di per se è già una garanzia mentre l’autore è Francesco Piccolo che proprio non è l’ultimo.

Così ho visto, e ne sono rimasta entusiasta, Satyricon.

Uno spettacolo molto particolare ma fatto benissimo: divertente, “urgente” e “necessario” mi verrebbe da dirvi.

La celebrazione dei luoghi comuni, conditi da buon cibo.

Musica, scenografia, testi perfetti.

Attori superlativi: bravi, coraggiosi, belli, simpatici, entusiasti.

All’inizio ti lascia perplesso e nei primi 5 minuti pensi “oddio” poi cominci a: ridere, pensare, distrarti; e sei sul palco e balli e ti siedi su una tazza dorata; ti spogli nudo in mezzo alla gente; e partecipi ad una festa anche se sai che hai rinunciato ad un’altra più interessante.

Uno spettacolo innovativo, esilarante, particolarmente vero.

Uno spettacolo che caldamente vi consiglio.

Buon teatro a tutti.

Furore

Vi dovete fare questo regalo: dovete andare a vedere Furore con Popolizio al Teatro India. Avete tempo fino al 1’ dicembre se siete di Roma, invito gli altri a vederlo appena sarà a casa loro.

È una performance straordinaria.

Lui è bravissimo. Lui attualmente è il teatro.

Rilegge brani di Furore di Steinbeck e lo fa in un modo travolgente, sconvolgente, accompagnato da batteria e percussioni varie.

È uno spettacolo straordinario.

Raramente ho visto a teatro qualcosa di più emozionante.

C’è tutto: l’angoscia della emigrazione, della fame, della disperazione; c’è la rabbia di un popolo che deve lasciare casa sua; il furore della rabbia, della paura.

Popolizio è di una bravura disarmante: cambia il tono della voce, i movimenti del corpo in funzione del racconto.

E la musica che accompagna è, come vi posso dire, perfetta?!

“Come faremo a vivere senza le nostre vite?”: é la sintesi del dramma che ha vissuto questo popolo, che vivono tutti i popoli costretti a lasciare la propria vita per cercare di viverne un’altra, per loro e per i propri figli.

Pensiamoci quando trattiamo male qualcuno che a casa sua non sta, quando chiudiamo la porta, quando chiudiamo i porti.

PENSIAMOCI, che loro già stanno facendo la fatica di vivere una vita che non è la loro.

Fatevi un regalo: andate a vedere questo spettacolo.

Si nota all’imbrunire

Converrete con me che il Teatro Argentina a Roma è il Teatro con la T maiuscola, quello dove da sempre fanno anche le “pesantate” (non so come meglio definirle) cioè quegli spettacoli non proprio da Zelig. Tanto per dine una: questo inverno mi sono ritrovata a guardare la Turandot, ma non quella che conosciamo tutti, bensì proprio quella che mettono in scena in Cina, in cinese… non vi sto qui a dire, potete immaginare.

Quindi, se volete vedere: Servillo, Orlando, Popolizio etc. dovete andare lì.

Bene, io ci sono andata quest’anno a vedere la Cina (e vabbè!), Popolizio, ieri sera Orlando e poi andrò a vedere Servillo.

E vorrei parlarvi di Orlando giustappunto.

Bravo, bravissimo lui; bravi, bravissimi gli altri; bello, bellissimo lo spettacolo.

Ieri era la prima, Vi sto dicendo proprio perché vorrei che lo vedeste tutti, almeno in molti.

Sulla carta è una “pesantata”, ve lo dico, perché lo spettacolo parla di un burbero asociale; un uomo (Orlando appunto) che dopo la morte della moglie si trasferisce in un non meglio precisato luogo e passa le sue giornate in totale solitudine. Fino a che non arriva il giorno del suo compleanno, che coincide anche con la ricorrenza della morte della moglie, e, quindi, suo fratello ed i suoi tre figli vanno a trovarlo.

E qui la sorpresa perché quello che si pensa essere uno spettacolo tristissimo, tristissimo non è e la bravura degli attori, nonché il testo, lo rendono decisamente divertente.

Riccardo, il figlio del protagonista, che invece si chiama proprio Silvio, fa ridere appena entra in scena in pigiama e birkenstock. Un omone abbastanza ridicolo ma con la battuta pronta, divertente assai; la figlia poetessa è decisamente simpatica e fa passare per proprie poesie di illustri autori; il fratello, Roberto, è bravissimo sia nei monologhi che nelle scene fisicamente più impegnative; l’altra figlia depressa, è una Magda moderna. Insomma sono tutti perfetti, ben amalgamati, funzionano benissimo. Così come la scenografia e i costumi e le luci.

Orlando è immenso. Mi è piaciuto tantissimo, ma proprio tantissimo.

Il finale è di quelli che ti lasciano l’amaro in bocca, commovente, sorprendente e giustissimo, non banale, azzeccato, perfetto.

Ad oggi è il secondo spettacolo più bello che ho visto quest’anno perché vince sempre un altro ma questo secondo posto è meritatissimo.

Il teatro è vivo, Viva il teatro.

Guadagninite

Oggi vorrei parlarvi di questo strano fenomeno: la “Guadagninite”.

Vi chiederete: e cos’è mai? Vi spiego subito.

Guadagnino è il noto regista, molto amato dagli ammmericani che in due anni ha girato due film Chiamami con il tuo nome e Suspiria. La cosa che ho a lui contestato in entrambe le visioni, ma non ve ne ho mai parlato, è che se tu dai un certo titolo al film io mi aspetto: per il primo di vedere la trasposizione del libro; per il secondo un rifacimento del famoso film di Dario Argento.

No, Guadagnino non si attiene a questa regola e che fa?! Prende il libro e il film, mantiene il titolo e poi fa un po’ come cazzo gli pare. Nel film, tratto dal libro, ha cambiato l’ambientazione (e secondo me la forza del libro è quella), ha modificato la meta di un viaggio (e pure lì nel libro è il libro stesso quel viaggio) e poi si è preso proprio la briga di reinventare la psicologia del protagonista.

Scusa Guadagnino: NON SI FA.

Idem con patate per Suspiria: preso il titolo, lasciato questo e poi tanti saluti alla trama di Argento.

Scusa Guadagnino: NON SI FA.

Ce la fai ad avere una tua idea originale e realizzarla?! O ti serve il titolo perché così la gente ti viene a vedere?! Io penso che sia “la secònda che ho detto” (cit.).

Essendo per me Guadagnino il massimo esponente di questo fenomeno, ho deciso di intitolarlo a lui.

E giusto ieri sono di nuovo incappata in questa situazione.

Vado a teatro a vedere Giselle, il balletto. Ora tu che ti aspetti: tutù e musica e Giselle contadina innamorata etc. etc. Che ti ritrovi a vedere?! 10 bravissimi ballerini, mezzi nudi, che ballano a scatti e senza musica o, dove la musica c’è, è tipo Il cielo in una stanza o Ciao ciao bambina e non la musica classica e meravigliosa di Adam.

Io non ho nulla contro le rivisitazioni ma queste non sono rivisitazioni: queste sono un’altra cosa, un’altra opera, un altro balletto, un altro film.

E’ troppo facile attirare il pubblico con il titolo per poi fargli vedere un’altra cosa.

Popolo di Guadagnini, NON SI FA!

Io se vengo a vedere Giselle, voglio vedere Giselle. Se vengo a vedere Suspiria, voglio vedere Suspiria. Sennò me la intitoli in un altro modo e io decido di venire se voglio vedere una novità sennò me ne sto a casa. Se il balletto si fosse intitolato, per dire, “10 ballerini mezzi nudi nel parco” magari sarei venuta (o magari no) ma sicuro predisposta in maniera diversa… non è possibile che la mia faccia per tutto il primo atto si debba trasformare in un immenso punto interrogativo. Non è corretto. Questo vuol dire approfittarsene.

Popolo di Guadagnini, NON SI FA, brutti scorretti che non siete altro.

Volete fare gli artisti?! Ecco, fatevi venire una bella idea originale e lavorateci. Come dite?! Avete paura che poi non vi ci viene nessuno?! Paura legittima perché anche mantenendo il titolo e modificando la trama non è che mettiate in scena dei capolavori ma che ho deciso io di fare l’artista?! Assumetevi il rischio, brutti Guadagnini scorretti che non siete altro.

Artisti cari, la guadagninite è un brutto fenomeno, statene lontani.

Passo e chiudo.

 

 

 

Le nozze di Figaro

Come più volte mi è capitato, sento il bisogno di raccontarvi non soltanto dei libri che leggo, dei film ma anche delle opere a teatro che vado a vedere.

Questa è la volta de Le nozze di Figaro al Teatro dell’Opera.

E, mi dispiace per voi, ma ho visto l’ultima replica.

Bellissima.

Inutile che vi stia qui a spiegare la musica di Mozart e il libretto di Da Ponte: lì non ci sono parole da sprecare. Opera buffa quindi divertente o comunque con lieto fine, musica meravigliosa.

Finito.

Posso però dirvi qualcosa sulla regia e la scenografia, sull’allestimento in genere, che è decisamente ultramoderno.

Vi dirò, mi è piaciuto. Anche molto direi.

Gli abiti di scena super fashion, a tratti pure troppo, e qui mi sento di poter intervenire:

1. mi permetto, per esempio, di suggerire che se una cantante è alta 1.90 e pesa 90kg forse il jeans super strappato con décolleté con tacco kitten di non più di 5cm si può evitare… il povero tacchetto scricchiolava sotto il suo peso e io mi sono distratta pensando che si spezzasse, più adatto il tacco dell’abito, di almeno 10cm che la sosteneva meglio;

2. ok lo smoking moderno ma l’orlo alla caviglia NO NO e ancora NO;

3. a Marcellina evitiamo di mettere abiti che non la facciano sentire a proprio agio, trattasi sempre di sig.ra over 50 che deve cantare e non pensare a quanto sta in imbarazzo, idem Barbarina con la camicia da notte micro;

4. 10 e lode al direttore d’orchestra super moderno con felpa e pantaloni in ecopelle ma se sei tutto vestito di nero, gli anfibi testa di moro scamosciati li lasci a casa per altra occasione!

Per il resto vi dico bello: elefanti da tutte le parti e un motivo ci sarà ed appena lo scopro ve lo faccio sapere; un piccolo problema di feticismo con i piedi per il leva e metti le scarpe e piedi nudi, ma tipo un’ossessione; inutili, senza senso e un po’ fastidiose le due donne nude nell’ultima scena che se è andata bene stanno con un raffreddore oggi.

Comunque bravi tutti, le donne di più: Cherubino (fantastica!), Susanna e la contessa su tutte. Mi ha entusiasmato più il Conte che Figaro ma insomma bravi tutti… meno io che ho scelto un palchetto laterale che ha causato torcicollo non richiesto… a tal proposito, vi consiglio di non fidarvi delle cartine virtuali di TicketOne.

Io scelgo altri posti per la prossima, voi organizzatevi.

La bastarda di Istanbul

Allora, scusate, è da stamattina che voglio raccontarvi dello spettacolo teatrale che ho visto ieri sera ma non ne ho avuto il tempo,

Devo dire che questa settimana non ho avuto un attimo per fare nulla perché da una parte si lavora e dall’altra si esce. Tutte le sere.

Comunque, ripartiamo dall’inizio: ieri sera sono stata a vedere La bastarda di Istanbul.

Questa volta sono andata alla prima, con tante aspettative, perché ho pensato che se mi fosse piaciuto avreste potuto vederlo anche a voi.

Ecco: io ho visto spettacolo, era la prima, a me lo spettacolo non è piaciuto e potrete evitare di andarlo a vedere.

Una cosa buona l’ho fatta comunque.

Allora, forse le aspettative erano troppe: forse proprio questo è stato il problema.

È uno dei miei libri preferiti, l’ho trovato sempre un libro perfetto, abbastanza impegnativo, ma perfetto.

Mi aspettavo, non dico tanta perfezione, ma almeno una situazione all’altezza e invece no.

Tra l’altro tra le interpreti c’è anche una delle mie attrici preferite, che tutti conosciamo per Ozpetec, e che è Serra Yilmaz.

Forse lei l’unica cosa interessante dello spettacolo, per il resto più o meno da dimenticare.

Le attrici, quasi tutte, sembravano quelle della parrocchietta in particolare potrei esagerare su un paio di loro, ma preferisco non sparare sulla Croce Rossa.

La messa in scena in realtà è una lettura, neanche troppo divertente, del libro.

Una noia mortale, una lunghezza infinita che ha portato, la mia compagna di teatro, a schiacciare qualche pisolino.

Io non l’ho fatto solo perché quando vedo queste cose mi si muove dentro una rabbia, un fastidio, un voglia di andarmene, che mi fa scalpitare tipo tarantolata sulla sedia.

La cosa più inquietante è che, finito lo spettacolo, è partito un applauso lunghissimo. Io, nella mia immensa cattiveria, ho pensato che, essendo la prima, ci fosse anche la maestra delle elementari delle attrici sul palco perché diversamente non me lo spiego. L’alternativa è che io non capisca proprio niente di teatro e volendo anche questa può essere un’interpretazione.

Quindi, fate sentitevi liberi di decidere, io vi ho avvertito, se andate fatemi sapere.

Appunti di viaggio

Qualche settimana fa un mio amico napoletano mi ha scritto: ” Sono appena uscito da teatro, ho visto uno spettacolo bellissimo, se arriva a Roma devi assolutamente andare”.

L’altra settimana, girando in vespa, ho visto un autobus con su la pubblicità proprio di questo spettacolo (dovete sapere che una delle mie fonti per conoscere tutto quello che fanno a Roma è proprio guardare le pubblicità affisse sui bus… a volte l’Atac può tornare utile, non sempre va denigrata!). 

Lo spettacolo in questione era (ed è) Appunti di viaggio di e con Lina Sastri.

Avverto la mia nuova compagna di teatro e si va.

Ora, prima di tutto, devo dire a Neri Marcorè, che qualora gli saltasse nuovamente in mente di mettere in scena uno spettacolo con parola e canto, gli consiglio (al di là di rinunciare che non è cosa sua)  di studiare a memoria lo spettacolo della Sastri: perché è esattamente così che si mette in scena un mix di musica e parole.

Lina Sastri ripercorre la sua vita e la sua carriera, da sola sul palco, a piedi nudi, in un vestito rosso che la rende meravigliosa. Dalla nascita (bimba non troppo voluta di una famiglia povera) ai primi passi sul palcoscenico, all’incontro con i grandi De Filippo e Totò; di vari personaggi, come Filomena Marturano e fantastici artisti, come Pino Daniele. Il tutto intervallato da splendide canzoni napoletane con l’accompagnamento di percussioni, chitarra, violino, contrabbasso, fiati. 

Emozionante.

Lei è bravissima, affascinante, bella: lei è Napoli.

Le canzoni strappano applausi dall’attacco e anche lacrime, per chi come me è molto sensibile.

Il teatro stracolmo di superfan: tra tutti segnalo il Signore dietro di noi che si è spellato le mani per applaudire, consumato la voce a dire “Brava” e che, a fine spettacolo, ha fatto un gesto bellissimo: si è alzato e le ha portato un’unica rosa rossa, bellissima, con un gambo alto quanto lei.

Ecco, questa è stata la giusta chiusura di uno spettacolo che va assolutamente visto.

PS. alla signora che ha pensato bene di portare una bambina non ancora in grado di parlare allo spettacolo ho bisogno di dire, come ha fatto un’altra signora del pubblico: “E così no, però eh, nun se po’!”. Amen.